15 giugno 2010

Uccelli in gabbia, volate!

La sensazione che provo incontrando certa gente è simile a quella che si avrebbe andando ad uno spettacolo di fuochi artificiali, per poi non vedere quell'esplosione magnifica di colori. E questa sensazione diventa una delusione lunga.

Mi sembra comunque di aver capito il motivo che frena tutti:la paura. Paura di tante cose, in ognuno con dosaggio diverso.
Paura di non essere accettati dalla società, paura di non riuscire a realizzare il proprio sogno e trovarsi emarginati e con le mani vuote, paura di ritrovarsi soli.
In definitiva, una terribile paura di intraprendere una strada non battuta.

E quindi mi chiedo, se ci fosse qualcuno abbastanza forte da intraprendere la strada di un'ignota felicità, gli altri lo accompagnerebbero?


Nella padella c'è sempre un chicco di mais che per primo diventa popcorn, dando l'avvio ad una festa danzante. E sento già l'invitante sfrigolìo dell'olio...

Nessun commento:

Posta un commento